Piemonte Slow

Chivasso – Vercelli

Dati:

Tipo percorso: bici

Lunghezza: 60 km

Livello difficoltà (info): medio

Livello sicurezza (info): limitato

Tempo medio: 6h 0'

Dislivello in salita: 133 m

Dislivello in discesa: 172 m

Sterrato: 15 %

Fontanelle: No

Segnaletica: Insufficiente

Immagini del percorso

Centri collegati

Itinerari che includono il percorso


Descrizione

Si pedala in pianura, passando dai cereali alle risaie del vercellese, sempre a contatto con l’acqua: dal Po di Chivasso scaturisce il Canale Cavour, la principale fonte di irrigazione della pianura a nord del fiume, da cui si dirama un’infinità di canaletti e rogge. Il paesaggio è piatto, con le montagne sullo sfondo, ma movimentato continuamente dal volo degli uccelli, in particolare garzette e aironi cinerini.

Si incontra una serie di luoghi interessanti e poco noti, da Verolengo a Lamporo e Castell’Apertole, dalle grange agricole al principato medievale di Lucedio, prima di giungere a Vercelli con i suoi tesori artistici.

Il primo tratto da Chivasso alla frazione Borgo Revel di Verolengo è in comune con il percorso che conduce a Casale Monferrato; poi si devia verso Lamporo, entrando subito nelle terre dell’acqua onnipresente e delle coltivazioni di riso, e si percorre la campagna fino all’antico borgo di Castell’Apertole.

Poi ci si dirige verso le colline del Monferrato, sfiorando l’antico Bosco della Partecipanza per attraversare una serie di interessanti tenute agricole (grange) e arrivare quindi al principato di Lucedio, borgo medioevale ben conservato e meritevole di visita.

Di qui, viaggiando su strade provinciali, si segue il tracciato della via Francigena della Val di Susa, che si ricongiunge a Vercelli con quella di Sigerico proveniente dal Gran San Bernardo.

Da non perdere: Chivasso, Vercelli e, lungo il percorso, Verolengo, Lamporo, gli antichi borghi di Castell’Apertole e del Principato di Lucedio, le grange.


Aspetti positivi e limiti:

+ Percorso piacevole fino a dopo Lucedio, prima di entrare su strade trafficate
Tra Borgo Revel e Crescentino provinciale molto trafficata; tra Lucedio e Vercelli non esistono alternative alla provinciale

Opportunità: Istituire corsia ciclopedonale tra Castell’Apertole e Vercelli (è anche percorso ufficiale via Francigena)


Tracciato

0 - Stazione ferroviaria di Chivasso. A destra uscendo dalla Stazione, imboccare via Italia.

0,3 - Svolta a sinistra in via Cairoli, poi via San Carlo.

0,7 - Svolta a destra in via Ivrea, poi viale Cavour.

1,2 - Alla rotonda imboccare viale Vigili del Fuoco, che costeggia il canale Cavour.

2,2 - Svoltare a destra attraversando il canale, poi subito a sinistra. Inizia un lungo tratto per lo più sterrato e privo di indicazioni.

3,3 - Al bivio, proseguire a sinistra.

4,0 - Al bivio, svoltare a destra.

4,9 - Al bivio, svoltare a destra.

5,2 - Al bivio, svoltare a sinistra.

7,0 - Svolta a destra su provinciale 31bis, poi subito a sinistra entrando a Verolengo.

8,6 - Attraversata Verolengo si devia a destra per viale della Madonnina.

9,3 - Al Santuario della Madonnina si imbocca la via antica per Crescentino, che supera con un cavalcavia la ferrovia.

12,6 - Giunti a Borgo Revel si svolta a destra, poi a sinistra su via Dora Baltea che costeggia la ferrovia.

13,7 - Svolta a sinistra in via Don Secondo Francisco, che conduce a un nuovo cavalcaferrovia.

14,7 - Si riprende la provinciale 31 bis entrando nella provincia di Vercelli.

16,5 - Poco dopo il ponte sulla Dora Baltea, che sta per confluire nel Po, si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per Saluggia.

17,9 - Svolta a destra, poi subito a sinistra in una stradina asfaltata tra i campi.

21,3 - Svolta a destra verso Lamporo.

27,1 - Attraversata Lamporo, si prosegue dritti per poi svoltare a destra.

27,8 - Si svolta a sinistra in un tratto sterrato. Seguendo le indicazioni per la via Francigena si va in direzione di Castell'Apertole.

29,4 - Svolta a destra, poi subito a sinistra e quindi ancora a destra.

31,1 - A Castell'Apertole si gira a destra sulla provinciale 7.

31,7 - Si attraversa la provinciale 1, proseguendo dritti in direzione delle colline del Monferrato.

36,7 - Si giunge nel parco del bosco della Partecipanza, passando per una serie di grange. Svoltando a sinistra, una ripida salita porta a Montarolo.

39,2 - La successiva discesa porta al Principato di Lucedio.

42,9 - Svolta a destra su provinciale 1, strada delle Grange. Di qui in poi il percorso coincide con quello della via Francigena.

50,7 - Si abbandona per breve tratto la provinciale 1 per attraversare Lignana.

53,5 - Con un cavalcavia si supera l'autostrada A26.

55,7 - Si svolta a sinistra su via Trino, entrando in Vercelli.

58,8 - Si prosegue per via Paggi, quindi per corso Fiume.

59,7 - Svolta a destra in corso Gastaldi.

60,2 - Stazione ferroviaria di Vercelli.