Piemonte Slow

Vercelli – Ivrea

Dati:

Tipo percorso: bici

Lunghezza: 59 km

Livello difficoltà (info): medio

Livello sicurezza (info): medio

Tempo medio: 5h 50'

Dislivello in salita: 460 m

Dislivello in discesa: 297 m

Sterrato: 27 %

Fontanelle: Rare

Segnaletica: Buona

Immagini del percorso

Centri collegati

Itinerari che includono il percorso


Descrizione

Il percorso, che  rientra nell’itinerario della Via Francigena di Sigerico, collega il Vercellese al Canavese, passando gradualmente dalla pianura a un contesto collinare.

Nella prima parte, da Vercelli a Santhià passando per Olcenengo e San Germano, si pedala tra le risaie, accompagnati lungo il percorso nelle stagioni meno fredde da aironi, garzette, ibis sacri.

Da Santhià si incomincia a salire, e uno splendido percorso collinare conduce prima a Cavaglià e poi a Roppolo con il suo castello.

Quindi su stradine secondarie si entra a Viverone e si costeggia dall’alto il lago di Viverone, viaggiando a mezza costa con un panorama molto bello. Si passa per Piverone con le rovine romaniche del Gesiun, per Palazzo Canavese e per Bollengo prima di arrivare a Ivrea.

Da non perdere: Vercelli, Ivrea e, lungo il percorso, le risaie, il centro di Santhià, il lago di Viverone, il Gesiun di Piverone.


Aspetti positivi e limiti:

+ Percorso che ricalca la via Francigena, paesaggio piacevole in particolare nel Canavese

Tra Vercelli e Santhià si viaggia per lo più su provinciale, o su sterrato in cattive condizioni

Opportunità: Migliorare il fondo dei tratti su sterrato tra Vercelli e Santhià


Tracciato

0 - Stazione ferroviaria di Vercelli. Da piazza Roma si imbocca corso Gastaldi.

0,3 - Si gira a destra sul cavalcaferrovia in direzione di Biella.

0,8 - Svolta a sinistra in corso Randaccio.

0,9 - Svolta a destra in via Donato, che con un lungo rettilineo diventa strada Olcenengo e porta fuori città.

9,7 - A Olcenengo, svolta a sinistra in corso Matteotti.

11,4 - Svolta a sinistra su sterrato, verso la tenuta Robarello. Di qui in poi le indicazioni da seguire sono quelle della via Francigena in bicicletta (segno biancoazzurro).

14,4 - Svolta a sinistra, in vista di San Germano Vercellese.

15,0 - Svolta a destra, quindi nuovamente a sinistra, termina lo sterrato e si viaggia su asfalto costeggiando per breve tratto la ferrovia.

23,9 - Dopo un tortuoso giro tra i campi, seguendo le indicazioni della via Francigena, si giunge alla provinciale 53 che entra in Santhià e diventa via Tagliamento.

24,8 - Svolta a destra in corso Nuova Italia che attraversa il centro di Santhià.

25,5 - Svolta a destra in via Monte Grappa, che confluisce poi in strada vecchia di Biella (provinciale 54).

27,9 - Svolta a sinistra in strada Barletta.

29,1 - Si attraversano con cavalcavia la ferrovia e l'autostrada A4.

30,5 - Svolta a destra in strada Filippine, lo sterrato si alterna all'asfalto. Il percorso sale verso Cavaglià, sempre seguendo le indicazioni biancoazzurre.

36,2 - Costeggiata Cavaglià, si imbocca la provinciale 228 verso Viverone, proseguendo in leggera salita.

38,1 - Svolta a destra verso Roppolo.

40,2 - Si attraversa la parte alta di Viverone scorgendo in basso il lago, percorrendo via Scuole Luigi Lebole e via Cascine di Ponente.

44,0 - La strada confluisce nella provinciale 56 che conduce a Piverone. Consigliata deviazione per visitare la rovina romanica del Gesiun.

45,6 - Al centro di Piverone si passa sotto la porta-torre e si prosegue dritti per Palazzo Canavese.

48,2 - Si attraversa Palazzo Canavese e si prosegue verso Bollengo sulla provinciale 263.

51,5 - A Bollengo si prende via Roma, quindi via Allaas, sempre seguendo le indicazioni biancoazzurre.

54,2 - In prossimità di Ivrea, un percorso a zigzag attraversa borgata Gillio per raggiungere corso Vercelli.

55,4 - Svolta a destra in via Piemonte, poi a sinistra in via Burolo, che confluisce in corso Vercelli.

57,5 - A Porta Vercelli imboccare la ciclopedonale che scende verso il lungo Dora Baltea.

58,4 - Svolta a destra in corso Nigra.

58,9 - Arrivo alla stazione ferroviaria di Ivrea.